31/03/2020 Bus, da aprile ulteriore riduzione delle corse. Sabato pomeriggio e domenica stop al servizio.

A seguito del DPCM del 22 marzo e all'Ordinanza regionale del 26 marzo sulle misure di contenimento dell'epidemia di Coronavirus, e in virtù della drastica riduzione dei passeggeri rilevati nelle ultime due settimane, vengono ulteriormente ridotte le frequenze e le fasce orarie di attivazione dei servizi di trasporto pubblico in Provincia di Modena.
Dal primo aprile entrerà in vigore un orario nuovo, riprogrammato specificamente per l'emergenza in corso e denominato COVID-19. Diverse le novità, decise da aMo, d'accordo con SETA ed Enti locali per adeguare il funzionamento del servizio alle ridotte necessità di mobilità delle persone, mantenendo il livello minimo di garanzia del servizio pubblico essenziale.
In generale tutti i servizi, extraurbano ed urbani di Modena, Carpi e Sassuolo saranno sospesi al sabato pomeriggio dalle 14.30 e per l'intera giornata di domenica e festivi. Unica eccezione solo le linee urbane 7/7A e 13/13A di Modena di collegamento ai Poli Ospedalieri cittadini. Ecco le novità più in dettaglio per i singoli servizi:

Urbano di Modena: Per la maggior parte delle linee la frequenza delle corse passerà dai 20-30 minuti dell'attuale orario ridotto a 50-60 minuti, dal lunedì al sabato alle 14.30. Il servizio terminerà entro le ore 20. Non sarà attivo al sabato pomeriggio e la domenica. In particolare circoleranno con frequenza 60 minuti le linee 6; 8 e 14. Frequenza 50 minuti per le linee 1; 3; 5; 9; 10; 11 e 12. 30 minuti per le linee 2 e 4. Verrà mantenuta la frequenza oraria attuale solo per le linee 7 e 13, di collegamento agli Ospedali modenesi, Policlinico e Sant'Agostino Estense di Baggiovara. La 7 circolerà quindi a 15 minuti (30 il sabato mattina) e la 7A a 30 sabato pomeriggio e festivi. La 13 e la 13 A circoleranno sempre a 30 minuti, anche nei festivi. Solo queste due linee proseguiranno oltre le ore 20, come da servizio attuale.
Resta sospesa la linea 81.
Il Prontobus di Modena viene sospeso al sabato pomeriggio dalle 14.30 nei due quadranti (le prenotazioni saranno possibili fino alle 14).
Il Taxibus festivo e notturno vengono sospesi.
Eccezioni per personale medico e sanitario diretto agli ospedali, il cui ruolo in questo momento è fondamentale: il Taxibus Notturno sarà in funzione solo per il personale medico e sanitario per/da gli ospedali di Modena: Policlinico e Baggiovara. Il Prontobus Quadrante sud dopo le 14.30 sarà attivo solo per questi lavoratori, diretti all'Ospedale di Baggiovara.

Urbano di Carpi: Il servizio urbano di Carpi Arianna sarà in funzione fino alle 14.30 dal lunedì al sabato con frequenza 60 minuti. Il servizio Prontobus sarà sospeso dalle 14.30 alle 18.30 dal lunedì a venerdì.

Urbano di Sassuolo: Le tre linee del servizio di Sassuolo funzioneranno dal lunedì al sabato fino alle 14.30, con frequenza 70 minuti.

Servizio Extraurbano: In vigore l'orario di vacanza scolastica con sospensione dal sabato dopo le 14.30 circa e nei festivi tutto il giorno. Sospesi inoltre sospesi i servizi giornalieri per i mercati cittadini.

Prontobus: Resta sospeso il Prontobus di Maranello. Orario di vacanza scolastica per i Prontobus di Mirandola e Pavullo, con sospensione al sabato pomeriggio. Regolare solo il Prontobus di Castelfranco.

Si invitano gli utenti a porre attenzione nella consultazione delle tabelle orarie esposte alle fermate urbane, nelle quali occorre consultare l'orario "COVID-19". Anche sul sito www.setaweb.it alla sezione "Orari" consultare la colonna Orari COVID-19.
Gli utenti possono inoltre contattare il servizio telefonico SETA al numero 840 000 216, oppure via WhatsApp al numero 334 2194058: entrambi i servizi sono attivi dal lunedì al sabato dalle ore 07:00 alle ore 19:00.

Agenzia per la Mobilità e SETA continuano il monitoraggio dei servizi e restano in attenta e continua osservazione dell'evoluzione normativa e delle disposizioni degli Enti locali relativamente all'emergenza in corso, per adeguare e rimodulare l'offerta - ove necessario - in funzione del contesto generale. Resta inteso che il livello di servizio minimo così erogato resterà in vigore fino al permanere delle normative e delle limitazioni esistenti. Con l'allentamento delle misure di restrizione degli spostamenti (le cui tempistiche sono ancora da definire) verrà progressivamente allineata l'offerta, fino al graduale ritorno dell'orario pieno.

Proprietà dell'articolo
creato:martedì 31 marzo 2020
modificato:martedì 31 marzo 2020